Collaborazione domestica - Notaria Jesús Benavides
Famiglia

Unione domestica

(o partner stabile)

Passo 1

Che cos'è un'unione domestica?

L'unione domestica è un'unione formata da due persone (uomini o donne, ovviamente) che hanno una relazione sentimentale duratura e una nota convivenza e che, in considerazione di ciò, hanno deciso di formalizzare una comunità di vita insieme, analoga al matrimonio.

Passo 3

Quanto costa autenticare un'unione di fatto?

Vedi bilancio indicativo

Si tratta di una stima puramente informativa e non vincolante. Si calcola sulla base di due criteri: 1) la conoscenza della Tariffa Notarile (Regio Decreto 1426/1989, 17 novembre 1989). (Decreto reale 1426/1989, del 17 novembre) e 2) la nostra esperienza quotidiana nella preparazione di questo tipo di documenti notarili. Tuttavia, qualsiasi variazione (in aumento o in diminuzione) sarà debitamente giustificata al momento dell'emissione della fattura finale per il servizio notarile reso.

Passo 4

Altre domande frequenti

Che cos'è un'unione domestica?

L'unione domestica è un'unione formata da due persone (uomini o donne, ovviamente) che hanno una relazione sentimentale duratura e una nota convivenza e che, in considerazione di ciò, hanno deciso di formalizzare una comunità di vita insieme, analoga al matrimonio.

Chi può diventare partner domestico?

Secondo la legge catalana, l'unione domestica può essere formata da coppie che mantengono una relazione sentimentale di lunga durata, con coabitazione, se soddisfano uno dei seguenti requisiti:

  • Quando la convivenza dura più di due anni ininterrotti.
  • Se durante la convivenza hanno un figlio in comune.
  • Se formalizzano il rapporto in un atto pubblico.

Quali requisiti personali devono possedere i partner?

Per diventare un'unione domestica, i partner devono soddisfare i seguenti requisiti:

  • Essere maggiorenni (o minori emancipati).
  • Non c'è alcun grado di parentela tra loro (cioè tra genitori, figli, nipoti o fratelli).
  • Non essere sposati (o, se uno dei membri è sposato, deve dimostrare di essere separato almeno di fatto).
  • Non vivono già in una relazione stabile con un'altra persona.

Quali sono i vantaggi di diventare partner domestico?

Indubbiamente, formalizzare una relazione stabile e convivente attraverso l'istituzione di un'unione domestica può essere molto vantaggioso, perché senza entrare nel dettaglio di ciascuno di questi aspetti, le parti interessate devono sapere che, se necessario, i loro partner potranno beneficiare degli aspetti che le diverse normative riconoscono, tra gli altri:

  • In termini di sicurezza sociale, la possibilità di accedere a un'eventuale prestazione vedovile, se sono soddisfatti una serie di requisiti, tra cui, tra gli altri, l'accreditamento tramite il corrispondente certificato di censimento di una convivenza stabile e notoria, ininterrotta e immediata alla morte, di almeno 5 anni (a meno che non abbiano figli in comune), nonché il fatto che la coppia sia iscritta nel corrispondente registro regionale o formalizzata con un atto pubblico davanti a un notaio, almeno due anni prima della data del decesso.
  • In materia di eredità, il riconoscimento di una serie di diritti a favore del partner superstite, in caso di morte dell'altro partner senza che sia stato fatto testamento. In questo modo, se la coppia ha figli, il partner superstite avrà diritto, secondo il diritto civile catalano vigente, all'usufrutto universale dell'eredità, mentre, se non ci sono figli o altri discendenti, il partner superstite sarà l'erede.
  • Se il partner non sposato vive in un'abitazione affittata da uno dei partner, la legge dà anche all'altro partner la possibilità di essere surrogato nel contratto di affitto se l'altro partner titolare del contratto desidera non rinnovare il contratto o recedere da esso, la legge offre anche all'altro partner la possibilità di surrogarsi nel contratto di locazione se l'altro partner desidera non rinnovare il contratto o recedere da esso (ciò richiede un periodo minimo di convivenza di due anni, a meno che non vi siano figli in comune).
  • Per vendere la casa di famiglia, uno dei due partner deve avere il consenso dell'altro.
  • Il vantaggio delle agevolazioni fiscali in materia di imposta di successione e donazione.
  • Accesso all'assistenza sanitaria della previdenza sociale come beneficiario, quando uno dei partner non ne ha diritto e l'altro è assicurato.
  • In materia di lavoro, una serie di permessi, benefici e diritti, quali:
  • ~Quindici giorni di calendario di congedo al momento della registrazione della partnership.
  • ~Cinque giorni per infortunio o malattia grave, ricovero ospedaliero o intervento chirurgico senza ricovero che richieda il riposo domiciliare del partner non sposato.
  • ~Due giorni per il decesso del partner non sposato. Se il lavoratore deve viaggiare a questo scopo, il periodo è prolungato di due giorni.
  • ~Riduzione della giornata lavorativa ordinaria (con riduzione proporzionale della retribuzione) da un minimo di un ottavo a un massimo della metà della sua durata, per la cura diretta del partner non sposato, nel caso in cui quest'ultimo, per motivi di età, infortunio o malattia, non sia in grado di badare a se stesso (a condizione, inoltre, che non svolga un'attività lavorativa).
  • ~Il diritto di chiedere un'aspettativa dal lavoro, per un periodo non superiore a due anni (a meno che il contratto collettivo applicabile non stabilisca un periodo più lungo), per prendersi cura del partner non sposato, quando per motivi di età, infortunio, malattia o disabilità, non è in grado di badare a se stesso e non svolge un'attività lavorativa.

Qual è la differenza tra unione domestica e matrimonio?

Tra tutte le differenze che si possono riscontrare tra le due istituzioni, le più rilevanti sono le seguenti:

A livello occupazionale:

Attualmente esistono i seguenti permessi di lavoro riconosciuti dallo Statuto dei lavoratori, che sono direttamente collegati al matrimonio:

  • Quindici giorni di calendario in caso di matrimonio.
  • Due giorni in caso di decesso, infortunio o malattia grave, ricovero ospedaliero o intervento chirurgico senza che il ricovero richieda il riposo domiciliare del coniuge. Se il lavoratore deve viaggiare a questo scopo, il periodo è di quattro giorni.
  • Inoltre, nel caso in cui uno dei due coniugi sia interessato da mobilità geografica, per cui la sua sede di lavoro viene trasferita, viene riconosciuto il diritto dell'altro coniuge di chiedere il trasferimento nella stessa sede, quando entrambi lavorano per la stessa azienda.

Questi diritti sono previsti in caso di matrimonio e, sebbene alcuni contratti collettivi ne abbiano esteso l'applicazione alle coppie non sposate, attualmente le norme sul lavoro li prevedono solo in caso di matrimonio.

A livello fiscale:

Il matrimonio è l'unico status giuridico che consente di presentare una dichiarazione dei redditi personale congiunta o separata. In tutti gli altri casi (comprese le coppie non sposate), la procedura viene eseguita separatamente. In questo senso, la dichiarazione congiunta può essere vantaggiosa per i coniugi quando il reddito di uno dei partner è significativamente inferiore a quello dell'altro, o addirittura non ha alcun reddito.

Inoltre, solo in caso di matrimonio le plusvalenze e le minusvalenze possono essere compensate congiuntamente o separatamente.

Per quanto riguarda l'imposta di successione e donazione, nel caso catalano questa imposta prevede esenzioni riconosciute per il coniuge vedovo che variano a seconda dell'importo totale dell'eredità. Queste esenzioni sono riconosciute anche ai conviventi non sposati, anche se il coniuge vedovo ha diritto a farle valere dal momento della costituzione del matrimonio; ma nel caso di conviventi non sposati, sarà necessario dimostrare almeno due anni di convivenza prima del decesso perché l'esenzione sia applicabile.

Nella pensione di reversibilità o di vedovanza:

Per quanto riguarda la pensione di vedovanza, ci sono delle differenze, soprattutto per quanto riguarda i requisiti che devono essere soddisfatti dai beneficiari:

In caso di matrimonio, la vedova/il vedovo ha diritto a una pensione a vita, a condizione che siano soddisfatti determinati requisiti contributivi. Inoltre, in caso di morte per malattia comune, non avvenuta dopo il matrimonio, il matrimonio deve essere avvenuto almeno un anno prima della data del decesso (o, in alternativa, devono esserci stati figli di entrambi i coniugi).

Nel caso di partner non sposati, oltre a questi requisiti di contribuzione ordinaria, è richiesto quanto segue:

  • Prova, tramite il corrispondente certificato di censimento, di una stabile e nota convivenza, ininterrotta e immediata al decesso, di durata non inferiore a 5 anni (a meno che non abbiano figli in comune).
  • L'obbligo di iscrizione della coppia nel corrispondente registro regionale o di costituzione in atto pubblico davanti a un notaio, almeno due anni prima della data del decesso.

Allo stesso modo, ai sensi dell'articolo 222 della Legge generale sulla sicurezza sociale, quando il coniuge o il partner non sposato superstite non ha diritto alla pensione di vedovanza o di reversibilità perché non può dimostrare, rispettivamente, che il suo matrimonio con il defunto è durato un anno ai sensi dell'articolo 219.2, o per l'inesistenza di figli comuni, o che la loro iscrizione come partner non sposati in uno dei registri specifici esistenti nelle comunità autonome o nei comuni del luogo di residenza o la loro costituzione per atto pubblico sia avvenuta almeno due anni prima della data di morte del defunto, ma sono soddisfatti gli altri requisiti della legge, hanno diritto a una prestazione temporanea di importo pari alla pensione di vedovo o di vedova che sarebbe loro spettata e della durata di due anni.

Vedi altre domande frequenti

Posso costituire un'unione domestica senza dimostrare di essere registrato?

Per formare un'unione domestica, è essenziale che i partner vivano insieme, come risulta dalla regolamentazione di questa figura nel Codice civile catalano. Pertanto, poiché la prova principale della convivenza è la registrazione censuaria, in questo studio notarile non sarà possibile costituire un'unione domestica se non viene accreditato, tramite i relativi certificati di censimento, che entrambe le persone vivono insieme nella stessa abitazione.

Inoltre, a differenza del matrimonio, molti dei diritti di un'unione domestica si acquisiscono nel tempo, non dopo l'immediata costituzione dell'unione, per cui è necessario dimostrare anche alcuni anni di convivenza (ad esempio, nel caso della pensione di vedovanza).

È quindi molto importante che la coppia non solo sia registrata allo stesso indirizzo al momento della costituzione, ma che rimanga registrata congiuntamente per tutta la durata della relazione.

Tuttavia, sebbene la registrazione allo stesso indirizzo sia molto importante, se i partner non vivono insieme da molto tempo, è possibile prendere in considerazione diverse opzioni per dimostrare la stabilità della relazione e, di conseguenza, per costituire un'unione domestica.

Non riesco a prendere un appuntamento in municipio, come posso ottenere il modulo di registrazione per il censimento?

Nella maggior parte dei municipi questa procedura può essere effettuata di persona e, se, come indicato nella domanda, non è previsto un appuntamento, è possibile effettuarla anche per via telematica.

A tal fine, ad esempio, il Comune di Barcellona (che corrisponde alla città in cui si trova questo studio notarile) dispone attualmente di due modi molto rapidi per ottenere il modulo di registrazione nello stesso giorno:

  • L'elaborazione online del volantino (QUI).
  • Attraverso uno dei chioschi che il Comune ha distribuito in tutta la città. Si tratta di macchine automatiche che emettono il volantino una volta inseriti i dati richiesti (QUI).

Non sono spagnolo e non ho un NIE, posso firmare un atto di associazione?

Per firmare l'atto di associazione davanti a un notaio non è necessario avere un NIE. È sufficiente avere un passaporto originale e valido il giorno della firma.

Sono uno straniero, ma perché la legge catalana dovrebbe applicarsi a me se non sono catalano?

Nell'Unione Europea, grazie al Regolamento (UE) 2016/1104 del 24 giugno 2016, la legge applicabile all'unione domestica è determinata dalla scelta della coppia. Pertanto, i soci, costituendo la società stabile in Catalogna quando stipulano l'atto pubblico e richiedono la conseguente registrazione della società nel Registro catalano delle società stabili, accettano implicitamente che il diritto catalano si applichi alla loro società.

Se sono straniero, la costituzione di un'unione domestica può aiutarmi a ottenere un permesso di soggiorno?

Attualmente, infatti, la normativa sugli stranieri prevede la possibilità di ottenere una carta di soggiorno per un familiare di un cittadino dell'Unione Europea se esiste un'unione domestica tra uno straniero e un cittadino dell'Unione Europea.

A tal fine, il Regio Decreto 987/2015, del 30 ottobre, e il Regio Decreto 240/2007, del 16 febbraio, stabiliscono che lo straniero partner non sposato di un cittadino di uno Stato membro dell'Unione europea ha il diritto di richiedere la carta di soggiorno di un familiare di un cittadino dell'Unione europea, purché sia accreditato un vincolo duraturo, che si intende comunque esistente se viene accreditato un periodo di convivenza di almeno un anno continuativo, a meno che non abbiano figli in comune, nel qual caso sarà sufficiente l'accreditamento di una convivenza stabile, debitamente provata.

È necessario iscrivere il partner non sposato in un registro?

In effetti, in Catalogna esiste un registro pubblico, chiamato Registro delle unioni stabili della Catalogna, in cui possono iscriversi le coppie non sposate che lo desiderano. A questo proposito, è necessario sottolineare che questa registrazione della coppia non sposata è un atto volontario e non costitutivo, ma è altamente raccomandato, al fine di rafforzare la sicurezza giuridica dell'unione e necessario per acquisire alcuni diritti, come la pensione di vedovo o di vedova, se applicabile.

A tal fine, nel caso in cui l'unione domestica sia formalizzata in un atto pubblico, il regolamento del Registro Catalano dei Partner Stabili stabilisce che il notaio che autorizza l'atto, su richiesta di entrambi i partner, invierà una copia dell'atto per via telematica al fine di registrarlo.

Dove posso registrare il mio partner non sposato se vivo in Catalogna?

È possibile registrare la partnership in:

  • Dipartimento di Giustizia
    Calle del Foc, 57
    08038 Barcellona
    Telf. 938 57 40 00
  • Servizi territoriali del Dipartimento di Giustizia di Girona
    Plaza Pompeu Fabra numero 1
    17002 Girona
    Tel. 872 97 50 00
  • Servizi territoriali del Dipartimento di Giustizia di Lleida
    Calle de Lluís Companys, numero 1
    25003 Lleida
    Telf. 973 70 35 00
  • Servizi territoriali del Dipartimento di Giustizia di Tarragona
    Calle de Sant Francesc, numero 3, piano rialzato
    43003 Tarragona
    Tel. 977 23 65 59
  • Servizi territoriali del Dipartimento di Giustizia di Les Terres de l'Ebre
    Plaça de Gerard Vergès, numero 1 (c. de Montcada cantonada c. de Benasquer)
    43500 Tortosa
    Telf. 977 44 12 34

Quando riceverò il certificato di registrazione?

Una volta firmato l'atto, il notaio lo invierà elettronicamente al registro per la registrazione. Una volta completata questa procedura, il Registro contatterà i due conviventi. Attualmente ciò avviene per posta elettronica, in modo che i documenti di registrazione vengano inviati agli indirizzi e-mail indicati nell'atto costitutivo. Il Registro deve notificare la registrazione entro un massimo di due mesi dalla data di sottoscrizione.

Tuttavia, va sottolineato che attualmente, nella pratica, il processo di iscrizione al registro pubblico catalano si conclude entro 2 o 3 giorni lavorativi.

Cosa devo fare se non ho ricevuto il certificato di registrazione entro due mesi?

Come spiegato sopra, la notifica deve essere inviata via e-mail a entrambi i partner. L'ufficio notarile non è coinvolto in questo processo, né riceve alcuna notifica utile alla coppia. Pertanto, dopo che il periodo di due mesi è trascorso senza che la coppia abbia ricevuto alcuna notifica, la linea di condotta appropriata è la seguente:

  • Innanzitutto, controllate la cartella SPAM/spazzatura.
  • Se non avete la posta, dovete contattare direttamente il Registro delle coppie stabili della Catalogna (QUI).

Devo rinnovare la mia registrazione in qualche modo per non essere cancellato dal Registro delle Società Stabili della Catalogna?

No. Finché la persona interessata non si cancella, la registrazione rimane in vigore. Tuttavia, è bene ricordare che il certificato di registrazione che riceverete dal Registro delle Società Stabili scade tre mesi dopo la registrazione, per cui se è necessario dimostrare l'esistenza della società di persone oltre questo periodo, sarà necessario richiedere un rinnovo, nel qual caso questa procedura può essere effettuata telematicamente (QUI).

Posso riconoscere il mio partner non sposato al di fuori della Catalogna?

Attualmente, ogni Comunità autonoma ha il potere di regolamentare le coppie di fatto, il che significa decidere se creare o meno un registro a questo scopo, con quali requisiti sono richiesti per l'accesso al registro e se e come (quali diritti e obblighi sono concessi) viene regolamentato lo status giuridico della coppia di fatto.

Non c'è comunicazione tra i registri, né esiste un registro statale delle coppie non sposate. Ciò significa che una coppia registrata in Catalogna non può dimostrare la propria registrazione al di fuori della Catalogna.

Per questo motivo, in molte occasioni, quando una coppia si trasferisce da una Comunità autonoma a un'altra, si registra nella comunità in cui risiede. Questo, tuttavia, pone un problema, poiché ogni volta che ci si iscrive a un registro dei partner stabili si richiede l'applicazione dei diritti e degli obblighi che tale registro riconosce al nostro partner, perdendo quelli dell'iscrizione precedente.

Così, una coppia con una certa mobilità può trovarsi di fronte al problema che la sua unione è regolata non da una, ma da diverse normative, a seconda del luogo in cui è registrata. Questo crea una grande incertezza giuridica per coloro che spesso non sono a conoscenza del cambiamento della normativa.

Ciò è giustificato dal fatto che si ritiene che le unioni non matrimoniali siano temporanee e precedenti al matrimonio. Il problema sorge quando i concetti vengono socialmente confusi e uno viene assimilato all'altro.

Cosa succede se successivamente iscrivo il mio partner in un altro registro?

Se il partner non sposato viene successivamente iscritto in un altro registro di un'altra amministrazione, la legislazione applicabile sarà quella dell'ultimo luogo in cui il partner non sposato è stato iscritto. In questo senso, è prudente segnalare la necessità di cancellare il partner non sposato dal Registro della Catalogna, quando, eventualmente, è iscritto in un altro Registro di un'altra amministrazione.

Come devono essere regolati i rapporti finanziari tra i partner?

La legislazione catalana stabilisce che i rapporti economici tra i membri della coppia non sposata saranno regolati esclusivamente dagli accordi raggiunti dai conviventi, finché dura la convivenza. Va inoltre considerato che la legislazione catalana stabilisce una norma specifica sulla cessione della casa comune, in virtù della quale essa non può essere venduta senza il consenso di entrambi i membri della coppia non sposata.

Articoli correlati

Passo 5

Dove posso trovare i regolamenti in materia?

In assenza di una regolamentazione giuridica generale delle coppie non sposate a livello nazionale, la maggior parte delle comunità autonome, nell'ambito delle proprie competenze, ha approvato leggi che regolano le unioni stabili (vedere Articolo 149.1.8 della Costituzione spagnola). Pertanto, in questo caso ci concentreremo sulla legislazione della Comunità autonoma di Catalogna:

Per quanto riguarda le norme applicabili al Registro delle società stabili della Catalogna , si veda:

Passo 6

Fissare un appuntamento